Il Vangelo del giorno, 6 Settembre 2019 – Lc 5, 33-39

6

Il commento al Vengelo del giorno
6 Settembre 2019
su Lc 5, 33-39

XXII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

Colore liturgico: VERDE

  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi: S. Zaccaria pr.; S. Magno; S. Onesiforo
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Presentatevi al Signore con esultanza.
  • Letture del giorno: Col 1, 15-20; Sal.99; Lc 5, 33-39
  • Calendario Liturgico di Settembre

Lc 5, 33-39
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, i farisei e i loro scribi dissero a Gesù: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere, così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!».
Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno».
Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti. Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi. Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

I discepoli di Gesù…

Ancora una volta il comportamento di Gesù fa scandalo. I suoi discepoli non si comportano come i discepoli di Giovanni Battista e i discepoli dei farisei e non vivono le loro stesse mortificazioni. Gesù risponde a questo che sembra essere un rimprovero diretto non tanto a suoi discepoli ma allo stesso Gesù, nel quale non si riconosce una vera guida illuminata. La risposta di Gesù allora si pone proprio sul piano della comprensione della sua persona. L’incomprensione sul comportamento dei discepoli in realtà nasconde l’incomprensione sulla figura di Gesù.

Egli usa l’immagine dello sposo per indicare l’attesa per la seconda sua venuta, quando nella gloria egli ricapitolerà in sé tutto l’universo. L’immagine del vestito nuovo e del vino nuovo sono simboli della venuta di Cristo, che offre in abbondanza i suoi doni nella novità dell’annuncio del suo Regno. Gesù parla anche di uno sposo “strappato” ai suoi discepoli per annunziare il suo mistero pasquale di Morte e Risurrezione. In queste immagini, Gesù parla di se stesso e della sua missione e richiama anche le esigenze del nuovo discepolato da Lui stesso inaugurato. Il vino nuovo ha bisogno di nuovi otri indica la necessità, per noi, di una vera conversione del cuore perché possiamo godere fruttuosamente degli abbondanti e prelibati doni messianici.

Non possiamo accontentarci di una vita spesa nell’indifferenza e riducendo al minimo indispensabile il nostro incontro con il Signore, tanto per poterci chiamare dei bravi cristiani! L’amore dello Sposo per la sposa è così totalizzante che richiede una risposta d’amore completa. È uno Sposo di misericordia ma anche esigente, che chiede la fedeltà assoluta. È questa l’esortazione per noi: scoprire questo amore infinito dello Sposo che chiede la nostra corrispondenza nella sincerità del cuore.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2019
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento alle letture del 6 Settembre 2019