Il Vangelo del giorno, 5 Ottobre 2019 – Lc 10, 17-24

1099

XXVI Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Periodo: Sabato
  • Il Santo di oggi: S. Faustina Kowalska; B. Bartolo Longo; B. Alberto M.
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Il Signore ascolta i miseri.
  • Letture del giorno: Bar 4, 5-12.27-29; Sal.68; Lc 10, 17-24
  • Calendario Liturgico di Ottobre

Leggi il brano del Vangelo odierno

Lc 10, 17-24
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, i settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome».
Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

La vera gioia.

I Settantadue Discepoli inviati da Gesù l’altro giorno, oggi al ritorno dalla missione, mostrano una gioia incontenibile. Una gioia veramente giustificabile per tanti motivi. Da un lato certamente, perché si rendono conto che tutto quello che Gesù, il loro Maestro, aveva loro predetto, si era puntualmente verificato.

Già questo è un buon motivo per gioire; e poi la loro opera, seguendo l’insegnamento di Gesù, aveva dato frutti umanamente inaspettati. I discepoli hanno operato molti miracoli, guarendo e scacciando i demòni: proprio secondo le istruzioni che avevano ricevuto. Certamente, se ce n’era bisogno, la fiducia e la fede in Gesù erano aumentati.

Altro motivo di gioia, e questo forse più profondo, è nel rendersi conto che – nell’obbedienza a Gesù – questa comunità di discepoli comincia a fare quello che faceva il proprio Maestro. Comincia ad intravedersi una realtà nuova e che nasce da Cristo stesso. Sono tutti questi motivi giusti per rendere grazie al Signore e gioire tutti insieme. L’accoglienza di Gesù però invita a riflettere sul motivo vero e reale della vera gioia.

La gioia che nasce dal profondo del cuore, dove è radicata, non deriva dai risultati esterni o dai successi conseguiti e neanche dall’accettazione altrui del nostro operato. La vera gioia sta nel sapersi figli di Dio ed amati da Dio stesso. Obbedire a Gesù e fare quello che Egli insegna… è qui la gioia profonda di tutti i cristiani.