Il Vangelo del giorno, 5 Giugno 2019 – Gv 17, 11-19

131

Il commento al Vengelo del giorno
5 Giugno 2019
su Gv 17, 11-19

VII Settimana del Tempo di Pasqua
Anno III/C

Colore liturgico: ROSSO

  • Periodo: Mercoledì
  • Il Santo di oggi: S. Bonifacio – memoria
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Regni della terra, cantate a Dio
  • Letture del giorno: At 20, 28-38; Sal.67; Gv 17, 11-19
  • Calendario Liturgico di Giugno

Gv 17, 11-19
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi.
Quand’ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Per essere consacrati nella verità.

Gesù continua la sua preghiera per noi: implora l’unità perfetta tra i suoi seguaci, ci affida al Padre perché nessuno vada perduto; prega perché tutti abbiamo “la pienezza” della sua gioia, nonostante la minaccia dell’odio del mondo. Poi la richiesta di Gesù per noi, raggiunge il culmine; egli implora che tutti noi siamo “consacrati nella verità”.

Egli vuole ottenerci questo dono, questa consacrazione per renderci concretamente capaci di mettere tutta la nostra vita a servizio esclusivo della verità: questo significa essere consacrati, questo è l’impegno del cristiano, quello appunto di fare della propria esistenza una testimonianza viva di Cristo. In questo ci accompagna lo Spirito Santo come guida e interiore energia dell’anima, ma si fa garante per noi lo stesso Cristo: “per loro io consacro me stesso perché siano anch’essi consacrati nella verità”.

Sarà proprio questa consacrazione a renderci pienamente consapevole della riconquistata libertà; ce lo predice e assicura lo stesso Gesù: “La verità vi farà liberi”. La nostra riflessione diventi preghiera da unire a quella di Cristo: “fa che la Chiesa riunita dallo Spirito Santo ti serva con piena dedizione e formi in te un cuore solo e un’anima sola”.

Articolo precedenteLa comunione fraterna: da Babele a Pentecoste
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 5 Giugno 2019 – Gv 17, 11b-19