Il Vangelo del giorno, 4 Ottobre 2018 – Mt 11, 25-30

517

Il commento al Vengelo del
4 Ottobre 2018 su Mt 11, 25-30

Ventiseiesima settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B

  • Colore liturgico: BIANCO
  • Periodo: Giovedì
  • Il Santo di oggi: S. FRANCESCO D’ASSISI – Patrono d’Italia – Festa
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Tu sei, Signore, mia parte di eredità
  • Letture del giorno: Gal 6, 14-18; Sal 15; Mt 11, 25-30
  • Calendario Liturgico di Ottobre
Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[powerpress]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 11, 25-30
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

Ti rendo grazie, perché hai tenuto nascoste queste cose…

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Il 4 ottobre la Chiesa e l’Italia festeggiano San Francesco d’Assisi quale suo patrono. La liturgia si esprime nel famoso passo di Matteo in cui si mette in evidenza la gioia e il sentito ringraziamento di Gesù al Padre per aver rivelato ai semplici il Loro mistero, la Loro intimità.

Il ringraziamento di Gesù ha come punto di riferimento il rigetto della sua parola da parte degli scribi e dei farisei, i dotti dell’epoca. Il mistero del Regno non è accessibile infatti per questo genere di sapienza umana.

La gratitudine in questo caso concreto significa accettazione del progetto di Dio da parte dei semplici. Ad essi viene partecipata la conoscenza che c’è fra il Padre e il Figlio: “nessuno conosce il Figlio se non il Padre e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo vuole rivelare”.

Questi tali sono coloro che si presentano a Dio con la coscienza della loro povertà. Questa è la vita eterna: “Conoscere te e colui che hai mandato”. Il fine della missione del Figlio è aprire ai fratelli e condividere con loro il suo tesoro, la sua vita di Figlio del Padre. La nostra salvezza è diventare ciò che siamo: figli. Francesco d’Assisi ha risposto a questa chiamata. Si è fatto piccolo, umile e povero, contento di Dio solo.

Ha scoperto che il Vangelo vissuto senza sconti rende creature nuove, persone risorte e fortemente gioiose, partecipi della vera umanità del Figlio di Dio. E’ dal Vangelo che ha attinto il valore della pace e della fratellanza universale, l’impegno a unire piuttosto che a dividere, ad ammansire il lupo che fa strage in ogni luogo, la proposta a sentirsi servitori, e ‘frati’ al di là di ogni divisione e discriminazione.

In Francesco questa umanità redenta, forgiata dalle esigenze e dalla tenerezza dell’amore per Dio e per gli altri, è diventata visibile nei segni della crocifissione, “porto nel corpo quello che manca alla passione del mio Signore”. Questa è l’umanità che Francesco propone, allora…, ma forse specie proprio oggi.