Il Vangelo del Giorno, 4 novembre 2017 – Lc 14, 1.7-11

371

Il testo ed il commento al Vangelo
del 4 novembre 2017 su Lc 14, 1.7-11

XXX Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Colore liturgico: Verde
  • Periodo: Sabato
  • Il Santo di oggi: S. Carlo Borromeo (m); S. Modesta; B. Elena Enselmini
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Il Signore non respinge il suo popolo.
  • Letture del giorno: Rm 11,1-2.11-12.25-29; Sal.93; Lc 14, 1.7-11
  • Calendario Liturgico di Novembre

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 14, 1.7-11
Dal Vangelo secondo  Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno a cura dei Monaci Benedettini

Il nostro posto: vicino o lontano…

Il Vangelo di oggi ci invita ad ingaggiare in modo giusto la nostra lotta: non già per ottenere i primi posti ma gli ultimi, è questa la logica di Dio seguita da Cristo e da quanti ne hanno voluto ricalcare le orme. Non è una questione di buona educazione o di tattiche politiche far passar avanti gli altri, ma è una questione di vita o di morte; scegliere l’umiltà è scegliere Dio, è scegliere di entrare per la porta stretta della morte di Cristo per entrare nel banchetto della sua risurrezione.

Solo l’umiltà ci porta a conoscere Dio, per cui come dice sant’Ignazio di Loyola il fine ultimo di ogni apostolato è portare gli uomini all’umiltà. La liturgia di oggi ci invita dunque a capovolgere il nostro metro di valutazione onorando e amando i più poveri e facendoci noi stessi poveri, piccoli per sentirci chiamare «amici» da Colui che si è fatto povero per noi. Dio ci ama così come siamo, cioè da “humus”, terra, per innalzarci alla sua gloria.

E ciò che ha vissuto la Madonna Santissima, ha conosciuto Dio grazie alla sua umiltà perché vuota di sé, ha posto in Dio tutta la sua speranza fino a divenire sua dimora. La prima discepola, seguiamo Lei.