Il Vangelo del giorno, 4 Luglio 2019 – Mt 9, 1-8

177

Il commento al Vengelo del giorno
4 Luglio 2019
su Mt 9, 1-8

XIII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

Colore liturgico: VERDE

  • Periodo: Giovedì
  • Il Santo di oggi: S. Elisabetta del Portogallo – memoria facoltativa
  • Ritornello al Salmo Responsoriale:  Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi
  • Letture del giorno: Gn 22, 1-19; Sal.114; Mt 9, 1-8
  • Calendario Liturgico di Luglio

Mt 9, 1-8
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati».
Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua.
Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Ti sono rimessi i tuoi peccati.

È caratteristica e dovere del cristiano vivere abitualmente la comunione con Dio e con i fratelli. Questo dovere ci è stato chiesto da Cristo stesso come una “novità”: «Vi do’ un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri».

Gesù, dandoci l’esempio, ha manifestato in modo privilegiato il suo amore per gli ultimi, per i più poveri nel corpo e nello spirito, per i più lontani. La scena che oggi ci descrive l’evangelista Matteo ha tutte le caratteristiche di una pratica attuazione del comandamento del Signore. “Ed ecco, gli portarono un paralitico steso su un letto”.

La paràlisi, quella del corpo e quella dello spirito, causa l’immobilità e soltanto con l’aiuto di qualcuno si riesce a muoversi. Se troviamo il malato ai piedi di Gesù è perché qualcuno l’ha condotto fino a lui, qualcuno gli ha fatto nascere la speranza di una prodigiosa guarigione, ma a crederlo sono più i portatori che il paralitico tant’è vero che lo Gesù “vista la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati».

La prima guarigione che Gesù opera riguarda l’anima, la sua interiore rinascita, il recupero della grazia e la rinnovata unione con Dio. Questo però scandalizza gli scribi presenti che confondono nella loro miopìa la formula assolutoria con una bestemmia. Gesù prende l’occasione da quei malvagi pensieri per esplicitare ancora una volta la natura divina della sua persona e della sua missione: “Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere in terra di rimettere i peccati: alzati, disse allora il paralitico, prendi il tuo letto e và a casa tua».

Questa è l'”opera” di Cristo per noi: egli ci rialza dalle nostre prostrazioni, dalle nostre miserie, ci libera dai nostri peccati, ci vuole sani nel corpo e nello spirito, ci vuole liberi dai lacci del male e da tutto ciò che ci impedirebbe di seguirlo e servirlo. Ecco come l’uomo che incontra Cristo o per sua esplicita volontà o perché fraternamente sorretto e guidato dai fratelli, recupera la sua libertà: da paralitico legato ad un letto o ad una carrozzella, mortificato dal male che lega il suo spirito, diventa capace di muoversi speditamente e di dare gloria a Dio.