Il Vangelo del Giorno, 31 ottobre 2015 – Lc 14, 1.7-11

67

Il testo ed il commento al Vangelo di oggi, 31 ottobre 2015

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

XXX Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Colore liturgico: verde
  • Le letture del giorno: Rm 11,1-2.11-12.25-29; Sal.93; Lc 14, 1.7-11

Lc 14, 1.7-11
Dal Vangelo secondo Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

Commento al Vangelo

(a cura dai giovani monaci del monastero di S.Vincenzo Martire, Bassano Romano (VT) )

La via stretta del vangelo e i primi posti…

“I primi saranno gli ultimi”, è scritto nel Vangelo ed è diventato un detto popolare. Ha in sé qualcosa di anacronistico tale affermazione; oggi potrebbe risuonare addirittura assurda. Chi riesce ad accaparrarsi un “posto” difficilmente lo molla, anche perché spesso tale conquista comporta una fatica immane e scoccia il sol pensiero di dover retrocedere e lasciare quel posto ad altri. Gesù non lascia spazio agli equivoci, condanna coloro che bramano accaparrarsi i primi posti e dichiara, senza mezzi termini, che il Regno è aperto a coloro che sanno diventare piccoli davanti a Dio. Ricordiamo il brano della porta stretta. Naturalmente se siamo afferrati dall’orgoglio, come capita spesso, l’ammonimento di Gesù suscita non consensi ma violenta contestazione.

[ads2]Anche per gli amanti del potere è incomprensibile ed impraticabile la proposta di Gesù. Egli ha però proclamato tale verità e ne ha dato un sublime esempio: nell’ultima cena assume la veste del servo quando lava i piedi ai suoi discepoli, sul patibolo è diventato la vittima designata che si lascia immolare sull’altare della croce. Il cristiano, se davvero vuole essere un seguace di Cristo, non può esimersi dal seguire tali esempi e ciò anche quando si rischia di subire angherie e sopraffazioni. Questa è la via stretta del vangelo! Ci si cammina solo con la grazia divina.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 1 novembre 2015 – don Pierluigi Plata
Articolo successivoIl nuovo CD di Frate Alessandro – Voice of Peace – Voce di Pace