Il Vangelo del giorno, 30 Novembre 2019 – Mt 4, 18-22

6

XXXIV Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Periodo: Sabato
  • Il Santo di oggi: S. Andrea ap. (f); S. Galgano Guidotti; S. Mirocleto
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Per tutta la terra si diffonde il loro annuncio.
  • Letture del giorno: Rm 10, 9-18; Sal 18; Mt 4, 18-22
  • Calendario Liturgico di Novembre

Leggi il brano del Vangelo odierno

Mt 4, 18-22
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Seguimi…

Il vangelo di Matteo che leggiamo in questa festa ci ripropone il momento culminate della vita dell’apostolo Andrea. Gesù cammina lungo il lago di Galilea; possiamo ben immaginare i pensieri che l’accompagnano.

Sta cercando operai per la sua vigna perché la messe è molta! Il suo occhio si posa su una scena comune in quel luogo, due pescatori che stanno gettando la rete e con essa la speranza di fare una buona pesca. Gesù si accosta e scandisce in modo imperativo il suo comando: “Seguìtemi”.

La motivazione di quell’invito e di quella chiamata è far cambiare vite e mestiere ai due fratelli Simone e Andrea: “vi farò pescatori di uomini. È mirabile la prontezza della risposta non formulata in parole, ma con l’immediatezza dei fatti: “ed essi subito, lasciate le reti, lo seguirono”.

Restiamo ammirati dalla forza della parola del Cristo, dal suo imperativo, ma anche dalla prontezza della risposta dei due. Viene da chiedersi se essi avessero compreso appieno la portata dell’invito e della proposta del Signore. Forse no!

Comunque ciò accresce la stima per i due fratelli; quando si è animati da una incondizionata fiducia e da una stima sincera e profonda per colui che ci chiama e ci sollecita, tutti i dubbi e tutte le domande svaniscono nel nulla, non hanno più ragione di essere prese in considerazione e prevale soltanto la gioia di sentirsi chiamati proprio da lui, dal Signore Gesù.

Oggi nella storia di Andrea molti rivedranno come in uno specchio la propria chiamata. Tutti potranno comprendere che quando Gesù chiama c’è solo da dirgli il nostro “sì”, senza tentennamenti e senza esitazione alcuna.