Il Vangelo del giorno, 30 Aprile 2019 – Gv 3, 7-15

5

Il commento al Vengelo
del 30 Aprile 2019
su Gv 3, 7-15

II Settimana del Tempo di Pasqua
Anno III/C

Colore liturgico: BIANCO

  • Periodo: Martedì
  • Il Santo di oggi: S. Pio V – memoria facoltativa
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Il Signore regna, si riveste di maestà
  • Letture del giorno: At 4, 32-37; Sal.92; Gv 3, 7-15
  • Calendario Liturgico di Aprile

Gv 3, 7-15
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».
Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose?

Nicodemo cerca la verità. Perciò la prima esigenza è di rompere la sua mentalità, il suo modo di vedere e di pensare; occorre che Nicodemo cambi atmosfera. La verità che Gesù presenta e che traspare dai suoi segni, non è percepibile ai sensi; li trascende. Essa è il Regno di Dio in atto, è la vita eterna; per accedervi occorre una nuova nascita.

La sfera del divino è localizzata in alto: per nascere alla vita divina occorre sbocciare da un seme dall’alto. Ogni nascita dall’alto è una nuova nascita, una rinascita. Quanto afferma Gesù è una realtà che egli conosce perché l’ha vista presso il Padre, realtà che sorpassa l’intelligenza umana e che quindi dagli uomini può essere accettata solo per fede. Viene poi accostata la crocifissione di Gesù all’elevazione del serpente. Come questa elevazione, anche la passione di Gesù entra nel piano divino: è necessario che ciò avvenga.

Sia il serpente sia il Cristo rappresentano un misterioso paradosso: il serpente, che la tradizione giudaica univa tanto strettamente all’origine della morte, è innalzato morto e diviene vivificatore e simbolo della vita eterna. Ugualmente Gesù, colpito dalla morte più brutale, effonde torrenti di vita. La vita ha una sola fonte: Dio. Al serpente di bronzo come al Cristo gli uomini però devono volgere i loro sguardi: la vita non viene data agli uomini senza una loro rispondenza e attività.

Tanto il simbolo del serpente quanto Gesù hanno una stretta solidarietà con la malattia che guariscono. La fede nel Figlio dell’uomo in croce è l’ultima spiegazione che Gesù dà a Nicodemo circa il mistero della generazione spirituale: la vita dall’acqua e dallo Spirito Santo si effonde sugli uomini in virtù del Cristo crocifisso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.