Il Vangelo del giorno, 3 Dicembre 2018 – Mt 8, 5-11

13

Il commento al Vengelo del
3 Dicembre 2018 su Mt 8, 5-11

PRIMA SETTIMANA DEL TEMPO DI AVVENTO – Anno III/C

  • Colore liturgico: VIOLA
  • Periodo: Lunedì
  • Il Santo di oggi: S. Giovanni Damasceno – memoria facoltativa
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Nei suoi giorni fioriranno giustizia e pace
  • Letture del giorno: Is 2, 1-5; Sal.121; Mt 8, 5-11
  • Calendario Liturgico di Dicembre

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 8, 5-11
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».
Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

Il Signore raduna tutti i popoli.

Il tempo di avvento, il tempo di attesa, un tempo di conversione, di riflessione, che si apre con la predicazione gioiosa del vangelo di Matteo, cioè una salvezza che viene offerta all’umanità intera, non soltanto agli Ebrei. Perciò il profeta Isaia invita tutto il popolo alla conversione totale, alla purificazione, alla riconciliazione per accogliere il dono di Dio che è un gesto d’amore infinito e di affetto. Con questo atto di libertà, l’evangelista Matteo ci mostra la grande misericordia di Cristo che è senza limite e senza barriere, cioè il Cristo non guarda la razza, la nazione, la lingua. Egli vede soltanto il cuore dell’uomo, la sua fede. Questo per dire che la sua visione di messia va al di là delle divisioni umane, politiche e religiose. Il Signore accoglie nel suo regno chiunque riconosce di aver bisogno di lui, e si affida totalmente alla sua parola. Chiediamo oggi per tutti coloro che sono in ricerca, non necessariamente battezzati come noi. Possano anche loro, come il centurione romano del vangelo di oggi, riscoprire la bellezza della fede in Gesù, che accoglie tutti e salva tutti.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 8 Dicembre 2018 – Ileana Mortari (Teologa)
Articolo successivoCommento alle letture del 3 Dicembre 2018 – Mons. Costantino Di Bruno