Il Vangelo del giorno, 26 Gennaio 2020 – Mt 4, 12-23

441

III settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: SS. TIMOTEO e TITO (m); S. Paola; S. Alberico
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Il Signore è la mia luce e la mia salvezza
  • Letture del giorno: Is 8,23 – 9,2; Sal.26; 1Cor 1,10-13.17; Mt 4, 12-23
  • Calendario Liturgico di Gennaio

Leggi il brano del Vangelo odierno

Mt 4, 12-23
Dal Vangelo secondo Matteo

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

https://www.vaticannews.va/it/vangelo-del-giorno-e-parola-del-giorno/2020/01/26.html

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Convertiti per il Regno.

Isaia, con la sua verve poetica che lo caratterizza, ci reimmerge in clima natalizio: “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia”. San Paolo auspica che i fedeli di Corinto e tutti noi che celebriamo le sue parole, siano capaci di garantirsi luce e gioia nell’essere tutti unanimi nel parlare e senza divisioni.

Gesù ci sollecita ad una gioia più intensa e duratura, invita alla conversione perché il regno dei cieli è vicino. Vicino, ma ancora da costruire e per questo Gesù, che incarna in sé l’avvento del Regno, percorre tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. Per insegnare e annunziare Gesù comincia a chiamare i primi collaboratori: Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due pescatori, Simone, chiamato Pietro e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini».

Poi è la volta di Giacomo e Giovanni, li chiama ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. La Chiesa nasce missionaria, dovrà estendersi a tutto il mondo. L’eco del messaggio di Cristo dovrà crescere e sviluppare fino a raggiungere gli estremi confini della terra. La verità piena, proclamata, testimoniata e diffusa dovrà cancellare tutti gli errori, far risplendere nella Luce vera dello Spirito Santo, la grazia divina che purifica e tutto rinnova. Così nel riscatto e nella conversione il regno di Dio si affermerà in tutti e ovunque e il popolo che una volta camminava nelle tenebre vedrà una grande luce, brillerà nella fede e nella vera gioia in un incontro personale con Cristo Luce del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.