Il Vangelo del giorno, 23 Novembre 2018 – Lc 19, 45-48

84

Il commento al Vengelo del
23 Novembre 2018 su Lc 19, 45-48

Trentatreesima settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B

  • Colore liturgico: ROSSO
  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi: S. Clemente I – S. Colombano – memoria facoltativa
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Quanto sono dolci al mio palato le tue promesse!
  • Letture del giorno: Ap 10, 8-11; Sal 118; Lc 19, 45-48
  • Calendario Liturgico di Novembre

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 19, 45-48
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: “La mia casa sarà casa di preghiera”. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

Avete trasformato la casa del Padre in una spelonca di ladri…

Nell’area sacra del tempio di Gerusalemme era invalso l’uso di un vergognoso commercio. Si facevano compre e vendite circa la materia delle offerte e dei sacrifici. E’ da supporre che si verificassero scandalosi abusi. Dopo il lamento sulla città, Gesù entra in Gerusalemme, sale al tempio e “comincia a scacciare i venditori, dicendo: sta scritto: la mia casa sarà casa di preghiera.

Ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri!” E’ bene che non ci facciamo illusione: il tempio deve essere conservato puro. La vicenda di Dio nel mondo rimane santa; e poiché il tempio non è soltanto il tempio di pietre – noi stessi siamo il tempio di Dio – il gesto di Gesù ci riguarda personalmente circa la santità con cui dobbiamo circondarlo e custodirlo.

Pur non togliendo nulla a quanto Gesù ha compiuto, è doveroso fare un’altra considerazione. Il gesto di scacciare i venditori dal tempio non è giustificato da nessuna disposizione della legge che sarebbe stata violata, essendo pienamente legittime le attività commerciali e finanziarie che si svolgevano nel cortile esterno. Per questo diventa un segno profetico che annuncia la fine del luogo prestigioso dell’antica alleanza. Il velo del tempio si squarcerà da cima a fondo nel momento in cui Gesù morirà sul Golgota.

Gesù stesso sarà il tempio della nuova alleanza, consacrata nel suo sangue. La casa di Dio può e deve avere un’altra destinazione. E’ ciò che il Maestro comincia a fare: “Ogni giorno insegnava nel tempio”. Vi troviamo in ciò un richiamo di una antecedente profezia: “Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me e subito entrerà nel suo tempio il Signore, che voi cercate”.

Il brano evangelico si chiude con questa annotazione: “I sommi sacerdoti cercavano di ucciderlo. Tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo”. L’inimicizia che sta suscitando, costruirà il tempio, dove il Padre ci attende.

Sono le meraviglie del Signore, che cambia in bene il male che l’uomo si procura con le sue stesse mani.

Articolo precedenteCommento alle letture del 23 Novembre 2018 – Mons. Costantino Di Bruno
Articolo successivoVideomessaggio del Santo Padre Francesco ai partecipanti al Festival della Dottrina Sociale della Chiesa a Verona