Il Vangelo del giorno, 23 Maggio 2019 – Gv 15, 9-11

268

Il commento al Vengelo giorno
del 23 Maggio 2019
su Gv 15, 9-11

V Settimana del Tempo di Pasqua
Anno III/C

Colore liturgico: BIANCO

  • Periodo: Giovedì
  • Il Santo di oggi:
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Annunciate a tutti i popoli le meraviglie del Signore
  • Letture del giorno: At 15, 7-21; Sal.95; Gv 15, 9-11
  • Calendario Liturgico di Maggio

Gv 15, 9-11
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.
Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.
Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Rimanete nel mio amore, così la vostra gioia sia piena.

Oggi Gesù ci chiede ancora di rimanere nel suo amore. Abbiamo una precisazione in più, e non è secondaria. Gesù ci fornisce anche la motivazione di questo invito. È per noi stessi, per la nostra vita. Una vita piena e che abbia senso è la vita di chi rimane nell’amore di Gesù. La frenesia del mondo di oggi può aver un pericolo: far perdere l’essenziale della vita.

Le troppe cose da fare non sono più soltanto doni preziosi di un mondo che progredisce ma diventano, troppo spesso, assilli che rompono il respiro. L’affanno di oggi può recare anche delle soddisfazioni; talvolta però marchiate della superficialità e dalla loro provvisorietà ci stancano ancora di più. Possiamo anche godere per un poco; non è però la gioia piena alla quale ci invita lo stesso Gesù.

È proprio in questo aggettivo che troviamo il punto centrale di questo brano evangelico. Non è una gioia qualsiasi quella che riceviamo dall’amore di Cristo. Non è legata alla soddisfazione momentanea; non è effetto di un particolare stato d’animo che può essere passeggero. La pienezza della gioia si ràdica nella completezza dell’amore di Cristo.

È una predisposizione del cuore e dell’animo all’opera dello Spirito Santo. Diventa, quindi, esperienza di vita in Cristo. Ciò diventa motivo per la nostra preghiera quotidiana.