Il Vangelo del giorno, 21 Febbraio 2020 – Mc 8,34 – 9,1

205

Commento al Vangelo del 20 febbraio 2020 a cura dei Monaci Benedettini – VI settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi: S. Pier Damiani; B. Maria Enrica Dominici
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: La tua legge, Signore, è fonte di gioia
  • Letture del giorno: Gc 2, 14-24. 26; Sal 111; Mc 8,34 – 9,1
  • Calendario Liturgico di Febbraio

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Prendere la croce.

Siamo fatti per essere beati. Gesù ci ha augurato che la sua gioia sia in noi e la nostra gioia sia piena. E questo non soltanto come un approdo finale, ma anche nel tempo che ci separa dell’eternità. Però ci parla a chiare note, apertamente che la sua esperienza ci coinvolge non soltanto come beneficiari della sua passione, ma anche come partecipi della sua stessa esperienza. «Se qualcuno – ci dice – vuol venire dietro di me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua».

La sequela è la via ardua, ma sicura per raggiungere la meta, per risorgere con Cristo. La motivazione che deve convincerci di questo Gesù la sintetizza in queste sacrosante parole: «Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà». L’alternativa è ben definita o salvare la propria vita sulla scia del risorto, o ahimè, perdere in modo definitivo e irreparabile il dono più prezioso che abbiamo ricevuto. Ed ecco uno stringente sillogismo: «Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?»

Il confronto che ci dovrebbe convincere è tra il tempo e l’eternità, tra le cose del mondo e i beni del Cielo e infine, la gioia eterna o la dannazione, l’irreparabile disfatta anch’essa eterna. Nulla possiamo dare in cambio della nostra anima; è un valore inestimabile, riusciamo a convincerci se pensiamo a quanto ha fatto per tutti e per ognuno di noi il buon Dio per riscattarla! I santi non hanno soltanto abbracciato la croce, ma l’hanno amata. I martiri l’hanno fatta diventare vessillo di vittoria. Innumerevoli nostri fratelli l’hanno vissuto e la stanno vivendo nel silenzio e nell’amore.

Con il cuore cantiamo: La croce gloriosa del Signore risorto è l’albero della mia salvezza di esso mi nutro, di esso mi diletto, nelle sue radici cresco, nei suoi rami mi distendo. La sua rugiada mi rallegra, la sua brezza mi feconda, alla sua ombra ho posto la mia tenda.


Chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 34 – 9, 1   In quel tempo, convocata la folla insieme ai suoi discepoli, Gesù disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà. Infatti quale vantaggio c’è che un uomo guadagni il mondo intero e perda la propria vita? Che cosa potrebbe dare un uomo in cambio della propria vita? Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi». Diceva loro: «In verità io vi dico: vi sono alcuni, qui presenti, che non morranno prima di aver visto giungere il regno di Dio nella sua potenza».   Parola del Signore 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.