Il Vangelo del Giorno, 20 marzo 2017 – Mt 1, 16.18-21.24

241

Il testo ed il commento al Vangelo di oggi,
20 Marzo 2017 – Mt 1, 16.18-21.24

Terza settimana del Tempo di Quaresima

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]

  • Colore liturgico: Viola
  • Periodo: Lunedì
  • Il Santo di oggi: S. GIUSEPPE (s); S. Martino; S. Cutberto
  • In eterno durerà la sua discendenza.
  • Letture del giorno: 2 Sam 7, 4-5.12-14.16; Sal 88; Rm 4, 13.16-18.22; Mt 1, 16.18-21.24

[/box]

Mt 1, 16.18-21.24
Dal Vangelo secondo Matteo

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno – Mt 1, 16.18-21.24

Commento a cura dei Monaci Benedettini

Un bel ragazzo, San Giuseppe.

Le solennità liturgiche nel tempo di quaresima, che cadono di domenica, vengono trasferite al primo giorno utile. Ecco perché la solennità di San Giuseppe non l’abbiamo celebrato ieri ma è stata trasferita per oggi. Eccoci allora San Giuseppe. Egli non era vecchio, come ce lo vogliono far credere, ma era un bellissimo giovane magari solo con qualche anno in più rispetto alla sua bellissima ragazza Maria di Nazareth.

Un bel ragazzo anche perché era un uomo giusto, come ce lo descrive il Vangelo; ed era un fedele israelita, cioè osservante della Legge e dei Dieci comandamenti. Infatti la bellezza interiore di una persona si riflette sempre sul suo volto e sulla sua vita; e se uno è virtuoso, è bello dentro ed è bello anche fuori, perché i lineamenti esterni riflettono e rivelano all’esterno, attraverso gli occhi, la bontà e la purezza che sta dentro la sua anima.

E Giuseppe, figlio di Giacobbe di Nàzareth, era fedele ai 10 Comandamenti, e al primo posto nella sua vita c’era sempre Dio e la sua Santa Volontà. E per questo nei giorni festivi chiudeva la sua falegnameria, si vestiva a festa e andava regolarmente nella Sinagoga del paese, che era la chiesa di allora: amava pregare, amava ed obbediva ai suoi genitori, era puro e buono con tutti e si guadagnava il pane con il frutto del suo onesto lavoro.

Con Maria di Nazareth erano ufficialmente fidanzati, quando un giorno Egli si accorse che la sua ragazza purissima e casta, era incinta: sudò freddo, ma non comprendendo questo mistero, si raccolse in Dio nella preghiera del cuore e soffrì in silenzio, aspettando solo da Lui la risposta, che gli venne data da un Angelo di notte, come appunto leggiamo nel vangelo: “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua Sposa.

Il suo cuore giovane si rasserenò, si rallegrò, ed obbedì prontamente all’Angelo di Dio. Egli non è il padre naturale di Gesù, dato che Maria concepì per opera di Spirito Santo. Preghiamo San Giuseppe e chiediamogli grazie: Egli certamente ci ascolterà e ci esaudirà, e non ci farà mancare mai niente perché è il Santo della divina Provvidenza. Infatti Egli, nella sua Santa Famiglia a Nazareth, ha sempre provveduto a tutto, e non è mancato mai niente, e nemmeno nel viaggio a Betlemme, e nemmeno nella dolorosa emigrazione verso l’Egitto.

Che San Giuseppe vi protegga sempre, e ci aiuti ad amare e servire sempre più la Santissima Trinità.