Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Il Vangelo del giorno, 19 Novembre 2018 – Lc 18, 35-43

Il Vangelo del giorno, 19 Novembre 2018 – Lc 18, 35-43

Il commento al Vengelo del
19 Novembre 2018 su Lc 18, 35-43

Trentatreesima settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B

  • Colore liturgico: VERDE
  • Periodo: Lunedì
  • Il Santo di oggi:
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Al vincitore darò da mangiare dall’albero della vita
  • Letture del giorno: Ap 1, 1-4; 2, 1-5; Sal 1; Lc 18, 35-43
  • Calendario Liturgico di Novembre

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 18, 35-43
Dal Vangelo secondo Luca

Mentre Gesù si avvicinava a Gèrico, un cieco era seduto lungo la strada a mendicare. Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. Gli annunciarono: «Passa Gesù, il Nazareno!».
Allora gridò dicendo: «Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!». Quelli che camminavano avanti lo rimproveravano perché tacesse; ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù allora si fermò e ordinò che lo conducessero da lui. Quando fu vicino, gli domandò: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». Egli rispose: «Signore, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato».
Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo glorificando Dio. E tutto il popolo, vedendo, diede lode a Dio.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

Che cosa vuoi che io ti faccia? Signore, che io veda…

Gesù sta per terminare il cammino verso la città santa dove il suo destino di profeta giungerà a compimento: “tutto ciò che fu detto dai profeti riguardo al Figlio dell’uomo si compirà”. Ma “i Dodici non compresero nulla di tutto questo”. Sono ciechi e hanno bisogno della luce della fede per vincere la loro cecità spirituale.

E’ quello che sembra voler insinuare l’evangelista Luca con il racconto del cieco. Mentre Gesù si avvicinava a Gèrico, sulla strada verso Gerusalemme, un cieco cominciò a gridare: “Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!” Gesù si fermò, ordinò che conducessero a lui il cieco e gli domandò: “Che vuoi che io faccia per te?” Egli rispose: “Signore, che io riàbbia la vista”.

E Gesù gli disse: “Abbi di nuovo la vista!” L’effetto reale della vista recuperata si proietta però nella storia dei dodici e di tutti gli uomini, e assume un significato simbolico. Non possiamo non rilevare anche una maturazione nella fede di questo stesso malato, al quale Gesù era stato presentato solo come “Gesù il Nazareno”, e che poi lo invocherà con il titolo messianico: “Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me”.

Il cieco guarito sulla via scopre tutta la novità di Gesù Cristo. Perciò non si limita a benedire Dio per il miracolo, ma si unisce al viaggio di Gesù verso la città santa, Gerusalemme. E’ dunque in primo luogo la vista della fede quella di cui abbiamo estremo bisogno per vedere la gloria nell’umiliazione del Figlio dell’uomo.

Molto spesso ci sentiamo ciechi. Credevamo di sapere e non sappiamo, credevamo di aver capito e non conosciamo affatto. Abbiamo bisogno di vedere Gesù, e in Gesù gli altri, con occhi di benevolenza come li guarda Dio.

Ecco che non è estremamente difficile, dinanzi a Cristo Signore, che continua a passare nella nostra giornata, gridare con lo stesso desiderio di quel cieco, vicino a Gèrico, e dirgli anche noi: “Signore, che io riabbia la vista”.

Check Also

don Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 17 Dicembre 2018

Breve riflessione al brano del Vangelo di domenica a cura di don Claudio Bolognesi. Dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.