Il Vangelo del giorno, 19 Gennaio 2020 – Gv 1, 29-34

527

II settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: S. Fabiano (mf); S. Sebastiano (mf); B. Benedetto Ricasoli
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà
  • Letture del giorno: Is 49, 3. 5-6; Sal 39; 1 Cor 1, 1-3; Gv 1, 29-34
  • Calendario Liturgico di Gennaio

Leggi il brano del Vangelo odierno

Gv 1, 29-34
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

L’Agnello di Dio.

Isaia, con accenti profetici e messianici, ci descrive la gloria di Dio intesa e manifestata come una vocazione speciale, una predilezione divina e una missione particolare: «Mio servo tu sei, Israele, sul quale manifesterò la mia gloria». Il buon Dio forgia ognuno sin dal seno materno con i doni necessari per vivere e raggiungere la meta, per manifestare la sua Gloria.

Del Messia il profeta dice: “Ora Io ti renderò luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza fino all’estremità della terra». Così viene preannunciata la sua futura missione che sarà salvezza di tutti, sarà una salvezza universale. Gesù dirà di sé: «Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita».

San Paolo denomina i fedeli di Corinto, coloro che sono stati santificati e santi per chiamata. Poi scopriamo con lo stesso apostolo che la vocazione alla santità è universale: «Cristo ha amato la Chiesa – tutta la Chiesa – e ha dato se stesso per lei, per renderla santa». In questo contesto accogliamo la testimonianza odierna del Battista: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!»

Ecco donde possiamo sperare di poter conseguire la santità, da Colui che è il Figlio di Dio, da lui che battezza nello Spirito Santo e che ha così cancellato il nostro peccato. La testimonianza del Battista è inconfutabile: «Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito come una colomba dal cielo e rimanere su di lui è il Figlio di Dio».