Il Vangelo del Giorno, 18 Febbraio 2018 – Mc 1, 12-15

370

Il testo ed il commento al Vangelo
del 18 Febbraio 2018 su Mc 1, 12-15

I Domenica del Tempo di Quaresima – Anno II/B

  • Colore liturgico: Viola
  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: I QUARESIMA B; B. Giovanni da Fiesole (Beato Angelico)
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà.
  • Letture del giorno: Gn 9, 8-15; Sal.24; 1 Pt 3, 18-22; Mc 1, 12-15
  • Calendario Liturgico di Febbraio
Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[powerpress]

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della Prima Domenica di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 18 Febbraio 2018 anche qui.

Mc 1, 12-15
Dal Vangelo secondo Marco
12E subito lo Spirito lo sospinse nel deserto 13e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. 14Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, 15e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 18 – 24 Febbraio 2018
  • Tempo di Quaresima I
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Commento al Vangelo del giorno a cura dei Monaci Benedettini

In compagnia delle fiere.

La Quaresima è l’itinerario verso il mistero pasquale (passione, morte e risurrezione di Cristo), proposta esemplare e fondamentale della nostra vita cristiana. Un tempo, che si protrae per quaranta giorni (e ce ne sono tanti nella Bibbia su questa tipologia), non però in modo numerico, ma simbolico, sotto lo sguardo di Dio, in un coinvolgimento umano, che segnerà importanti e decisivi cambiamenti per la storia individuale e comunitaria.

Proprio per questo motivo Gesù, azzardando di voler leggere il mistero di Dio, lo ha posto proprio al principio del suo ministero messianico. A differenza di Matteo e di Luca, i quali descrivono dettagliatamente le tentazioni di Gesù e la sua triplice risposta a satana con “Sta scritto” così si deve fare secondo Dio… Marco si limita a dire che il Signore Gesù, “sospinto dallo Spirito nel deserto, vi rimane quaranta giorni, tentato da satana”. Non precisa il tipo della tentazione, ma lascia intendere solo che la prova forse si estese per tutti i quaranta giorni.

Alcuni esegeti suppongono che l’evangelista, tacendo, abbia cercato di attenuare, come fa altrove, una situazione percepita come lesiva della dignità di Gesù. Quello che appare chiaro è che Gesù, il nuovo Adamo, ha superato la prova, e nella parola di Dio ha vinto le fraudolenti insinuazioni di satana. Per questo ha riacquistato il dominio su tutte le cose, patto infranto dall’Adamo peccatore e può inaugurare un tempo di pacificazione universale come viene narrato anche dal profeta Isaia. “Se ne stava con le fiere e gli angeli lo servivano”.

Ora Gesù può proclamare la splendida notizia che il tempo della promessa, tanto attesa, “è giunta al compimento e che il regno di Dio è vicino”, è presente in mezzo a noi. Per accoglierlo, per entrarvi a pieno titolo è necessario convertirsi e credere al vangelo. La conversione di cui parla Gesù è un cambiamento radicale di vita.

E’ un lasciare il nostro mondo personale per aprirci alla novità dello Spirito, è credere in Cristo per ritrovarci in lui, opera già iniziata in noi nell’immersione battesimale.