Il Vangelo del giorno, 15 Febbraio 2020 – Mc 8, 1-10

602

Commento al Vangelo del 15 febbraio 2020 a cura dei Monaci Benedettini – V settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)

  • Periodo: Sabato
  • Il Santo di oggi: Ss. Faustino e Giovita; S. Claudio de la Colombière
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo
  • Letture del giorno: 1 Re 12,26-32; 13,33-34; Sal 105; Mc 8, 1-10
  • Calendario Liturgico di Febbraio

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Tu, Signore, sazi la fame di ogni vivente.

Era tale il fervore con cui molti, moltissimi seguivano Gesù che capitava di trovarsi per giorni lontano dai luoghi abitati e con l’urgenza della fame. Egli sente compassione di quella folla, che da tre giorni lo segue ed è senza nulla da mangiare. Dice: «Se li rimando digiuni alle proprie case, verranno meno per via; e alcuni di loro vengono di lontano». Per di più si trovano in una zona deserta dove è impossibile trovare cibo per sfamare tanta gente. Gesù è ben consapevole che il nutrimento spirituale che ha sicuramente l’indiscusso primato, deve includere anche quello materiale: anch’egli, nella dura esperienza del deserto dopo quaranta giorni, ebbe fame. La fame anche quella del corpo deve essere sfamata.

Gesù creando un vincolo significativo tra i due appetiti da nutrire, e coniugando i valori dello spirito e il sano soddisfacimento delle esigenze materiali, compie il miracolo, dando così completezza alla sua missione e coinvolgendo così tutto l’uomo. Con sette pani e pochi pesciolini benedetti e moltiplicati dalla sua potenza divina circa quattromila persone mangiarono e si saziarono: e portarono via sette sporte di pezzi avanzati. E li congedò. Il nostro Dio non è soltanto il Dio della Parola, dei sacrosanti valori dello spirito, ma è anche il Dio provvido, il Dio che sazia la fame di ogni vivente. A noi chiede la doverosa solidarietà e la cristiana carità che fa sì che i beni, che vengono dalla sua mano, siano poi distribuiti a tutti.


Mangiarono a sazietà.
Dal Vangelo secondo Marco  Mc 8, 1-10 In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano».  Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò. Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.   Parola del Signore