Il Vangelo del giorno, 14 Dicembre 2018 – Mt 11, 16-19

220

Il commento al Vengelo del
14 Dicembre 2018 su Mt 11, 16-19

SECONDA SETTIMANA DEL TEMPO DI AVVENTO – Anno III/C

Colore liturgico: BIANCO

  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi: S. Giovanni della Croce – memoria
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Chi ti segue, Signore, avrà la luce della vita
  • Letture del giorno: Is 48, 17-19; Sal.1; Mt 11, 16-19
  • Calendario Liturgico di Dicembre

Mt 11, 16-19
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse alle folle:
«A chi posso paragonare questa generazione? È simile a bambini che stanno seduti in piazza e, rivolti ai compagni, gridano:
“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non vi siete battuti il petto!”.
È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e dicono: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e dicono: “Ecco, è un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori”.
Ma la sapienza è stata riconosciuta giusta per le opere che essa compie».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

Partecipare alla danza.

Il rifiuto gratuito ha in sé dell’assurdo. Allora ecco lo sforzo insane e continuo di cercare pretesti per giustificare il proprio disimpegno.

Era l’atteggiamento dei nemici del Signore, sempre a caccia di appigli per denigrare e diffamare. Così hanno fatto con Giovanni Battista, accusato di essere posseduto da un demònio perché rigido ed austero…; così tentano di fare con Cristo che mangia e beve con i peccatori ed è amico dei pubblicani.

Per chi non vuole aderire alla fede c’è sempre un pretesto per rifiutarla; per chi vuole giustificare il proprio disimpegno e la propria immoralità c’è sempre una scusa da accampare e cercare costantemente negli altri, in qualcuno che a torto o a ragione agisce come noi o peggio di noi.

L’evento messianico è un invito alla gioia, alla danza, gli stessi angeli di Dio alla nascita del Salvatore scenderanno a cantare la gloria di Dio e la pace per gli uomini. Gli uomini però sapranno ancora una volta opporre un rifiuto adducendo la motivazione degli impegni pressanti della vita e le mille distrazioni che distolgono dai veri obiettivi della umana esistenza.

È grave restare fuori del banchetto di Dio, dopo aver ricevuto l’invito gratuito a partecipare alle nozze, è grave sentirsi dire “non vi conosco”. È ormai prossimo il Natale: è l’ennesimo invito alla danza, cerchiamo di non mancare alla festa.

Che non debba ripetersi l’accusa che l’evangelista Giovanni ci muove: “La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta”, e ancora: “Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto”.

Sarebbe un brutto natale!