Il Vangelo del Giorno, 11 Febbraio 2018 – Mc 1, 40-45

317

Il testo ed il commento al Vangelo
del 11 Febbraio 2018 su Mc 1, 40-45

VI Settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B

  • Colore liturgico: Verde
  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi:  VI . T.O. B; B.V. Maria di Lourdes; S. Sotera
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Tu sei il mio rifugio, mi liberi dall’angoscia.
  • Letture del giorno: Lv 13,1-2.45-46; Sal.31; 1 Cor 10,31 – 11,1; Mc 1, 40-45
  • Calendario Liturgico di Febbraio
Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[powerpress]

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Febbario 2018 anche qui.

Mc 1, 40-45
Dal Vangelo secondo Marco
40Venne da lui un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 41Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». 42E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 43E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito 44e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosé ha prescritto, come testimonianza per loro». 45Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11- 17 Febbraio 2018 2018
  • Tempo Ordinario VI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Commento al Vangelo del giorno a cura dei Monaci Benedettini

Lo voglio, guarisci!

I miracoli di Gesù hanno sempre una loro caratteristica, un loro modo particolare di manifestarsi. Tutti indicano in Gesù un mistero più grande dell’intelletto umano. Ogni miracolo indica allora proprio a Gesù, al Gesù che volge verso la Croce e la Resurrezione. In ogni miracolo abbiamo questa rappresentazione.

Il miracolo di oggi manifesta il mistero di Cristo nella potenza della sua Parola: quello che Gesù vuole: è fatto. Il riserbo che chiede all’uomo guarito è in vista della Croce. Non è nella sua potenza miracolosa che Egli vuole manifestare la sua gloria completa. A questa comune base di tutti i miracoli di Cristo si aggiunge un’altra componente, non meno importante. Tutti i miracoli hanno delle loro caratteristiche peculiari. Ogni miracolo ci insegna qualcosa di nuovo e di diverso.

Oggi il miracolo è la guarigione di un uomo dalla lebbra. Modo in cui Gesù guarisce e la prescrizione di rivolgersi al sacerdote ci inducono ad una riflessione su un aspetto del male che ci può essere utile per la nostra vita. La lebbra è una malattia, tra le peggiori a livello personale e che ha anche un aspetto sociale che non può essere trascurato. La lebbra significa esclusione dalla civiltà, significa emarginazione, significa l’uomo che si esclude dal rapporto con gli altri. La guarigione dalla lebbra è allora la volontà di Gesù di eliminare tutte le barriere che possono impedire un giusto vivere dell’uomo nella società.

La lebbra è il male che può diventare peccato; ma è quel male che isola ed emargina l’uomo; può nascere da pregiudizio, da ipocrisia, da timore verso l’altro. Il ruolo del sacerdote, invocato da Gesù in questo caso preciso, non è religioso; non è cioé il riconoscere una autorità superiore alla sua ma è prettamente sociale. È una constatazione giuridica di una guarigione che riabilita l’uomo. Il sacerdote, però può rappresentare la nostra coscienza di fronte ai pregiudizi, di fronte alle ipocrisie per una accettazione di chi ci sembra diverso.

Il male può nascere dal nostro cuore; chiediamo allora a Gesù che li purifichi, perché possa donare anche a noi la purificazione, la guarigione.