Il Vangelo del giorno, 10 Novembre 2019 – Lc 20, 27-38

539

XXXII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Periodo: Domenica
  • Il Santo di oggi: S. Leone Magno; S. Oreste
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Ci sazieremo, Signore, contemplando il tuo volto.
  • Letture del giorno: 2 Mac 7, 1-2. 9-14; Sal 16; 2 Ts 2, 16 – 3, 5; Lc 20, 27-38
  • Calendario Liturgico di Novembre

Leggi il brano del Vangelo odierno

Lc 20, 27-38
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».
Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

IN ALTERNATIVA:

Lc 20, 27.34-38 (Forma breve)

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Legàti alla vita presente, smemorati della risurrezione.

Per chi non si lascia illuminare dallo Spirito santo di Dio e non è sorretto dalla fede in lui, la vita, tutta l’esistenza, rimane per sempre legata al tempo e alle effimere esperienze umane. La pensavano così quelli della setta dei sadducèi, i quali ritenevano che la vita si potesse perpetuare solo per mezzo dei figli. Per questo avevano stabilito una norma che imponeva al fratello del marito defunto, che non aveva lasciato figli, di sposare la vedova per garantire una discendenza. Da ciò l’obiezione che essi rivolgono a Gesù, assertore della risurrezione, con la quale tentano di metterlo in ridicolo. È il caso di una vedova che aveva sposato sette fratelli e da nessuno di essi aveva avuto figli. La domanda tendenziosa è: “nella risurrezione finale questa donna di chi sarà moglie?” Gesù denuncia la loro chiusura alle realtà soprannaturali ed eterne inficiate da umani pregiudizi. L’eternità che vivremo in Dio non può e non deve essere intesa come un semplice prolungamento di una esistenza terrene e “biologica”. La “new age” questo propone e prima di loro lo affermano i testimoni di Geova. La vita eterna è invece una dimensione e una realtà soprannaturale che trascende l’umana comprensione; è sostenuta dalla fede e dalla speranza. Ancora persiste, anche nel nostro mondo cristiano cattolico, il pericolo di ridurre i motivi fondamentali della nostra fede a più basse dimensioni; l’aldilà per molti è talmente vago e distante da apparire come un miraggio e una chimèra. La fede nella risurrezione è messa in dubbio fino a far rivivere il motto pagano del “carpe diem”, del vivere il tempo e morderlo ogni giorno cercando un paradiso a dimensione terrestre. È il neo paganesimo che cerca ancora spazi tra noi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.