Il Vangelo del Giorno, 1 marzo 2017 – Mt 6, 1-6. 16-18

19

Il testo ed il commento al Vangelo di oggi,
1 Marzo 2017 – Mt 6, 1-6. 16-18

Le Ceneri

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]

  • Colore liturgico: Viola
  • Periodo: Mercoledì
  • Il Santo di oggi: S. Felice III; S. Albino
  • Perdonaci, Signore: abbiamo peccato.
  • Letture del giorno: Gl 2, 12-18; Sal.50; 2 Cor 5, 20 – 6, 2; Mt 6, 1-6. 16-18

[/box]

Mt 6, 1-6. 16-18
Dal Vangelo secondo Matteo

‡In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli.

Quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando digiunate, non assumete aria malinconica come gli ipocriti, che si sfigurano la faccia per far vedere agli uomini che digiunano. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo tuo Padre che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno – Mt 6, 1-6. 16-18

Commento a cura dei Monaci Benedettini

Purìficami, o Signore, sarà più bianco della neve.

Inizia oggi il tempo di Quaresima, tempo di grazia, tutto proteso alla Pasqua del Signore. Nel centenario delle apparizioni di Fatima lo voglio consacrare al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria: a Lei affido anche questi miei poveri commenti affinché portino frutto nel cuore di chi le leggerà.

Tutti sappiamo infatti che la Parola si è fatta Carne per il Sì di Maria, e per Opera dello Spirito Santo. E senza Maria dunque e senza lo Spirito Santo la Parola di Dio, che proclamiamo ogni giorno in chiesa, non prende vita, non si incarna.

Qui al monastero ieri abbiamo festeggiato il Volto Santo di Gesù, e stanotte abbiamo vegliato in adorazione al Santissimo Sacramento, in suo onore, come ormai è tradizione da diversi anni. Abbiamo incominciato, spero, bene il nostro cammino quaresimale!

Ecco, sappiamo tutti che per fare Pasqua prima di tutto è necessario mettersi in grazia di Dio: prepariamoci perciò a fare una buona confessione sacramentale perché così tutti i nostri peccati saranno lavati nel Sangue prezioso di Gesù. E poi, in questo tempo santo, facciamo anche qualche fioretto, qualche piccolo sacrificio, ed anche un po’ più di silenzio (anche con la tv, con facebook), per poter ascoltare meglio la Voce di Dio che ci parla dentro la coscienza.

Gesù nel Vangelo di oggi ci dice di pregare. Ma Egli si raccomanda di pregare sempre in vera umiltà di cuore. E cioè: noi preghiamo per vivere con Dio, per far Comunione d’amore con Lui, per lodarlo, benedirlo, ringraziarlo con tutta l’anima, e non per fare la bella figura, per farci ammirare dalla gente e per farci venerare come santi. Gesù, che è Umiltà incarnata, ci raccomanda l’umiltà, che gli sta molto a cuore, perché essa è il fondamento, è la base necessaria per la nostra crescita spirituale.

Oggi Gesù ci ricorda anche che dobbiamo amare i poveri e fare elemosina “la vostra sinistra non sappia quello che fa la vostra destra”. E così sia quando digiuniamo e facciamo penitenza: ci vuole nascondimento, silenzio in ogni opera buona che facciamo, sempre! “E quando digiunate non diventate melanconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere che digiunano.

In questo tempo di grazia contempleremo, assieme con Maria, Gesù Cristo Crocifisso, e poi sosteremo in preghiera, in attesa insieme con Lei, davanti al Sepolcro vuoto. E l’Angelo di luce dirà anche a noi: “Perché cercate tra i morti Colui che è vivo? E’ Risorto! Alleluia!”.

E la gioia ci pervaderà l’anima! Sarà l’Alleluia, la gioia di Pasqua, e sarà gioia vera che nessuno ci potrà togliere! E già la stiamo pregustando anelando il giorno di Pasqua. Sia una buona quaresima questa, santa e fruttuosa.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del giorno – 1 Marzo 2017 – don Mauro Leonardi
Articolo successivoCommento al Vangelo del 1 Marzo 2017 – Mons. Nazzareno Marconi