Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022

99

- Pubblicità -

Il Vangelo di Luca è un po’ il vangelo dei segni, inizia proprio con due personaggi che chiedono un segno, Zaccaria e Maria, quasi a volerci dire che il credente ha bisogno di segni, ma attenzione, perché il segno non sostituisce la fede; la stessa Maria è «colei che ha creduto, nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Ma qual è il segno di Giona? Molti sono d’accordo nel dire che il segno di Giona non è tanto la predicazione che egli compie a Nìnive ad un popolo pagano; ma la sua “singolare” avventura che precede la predicazione, ovvero l’aver soggiornato incolume per tre giorni dentro il ventre di un pesce, quindi Giona che miracolosamente scampa alla morte è il vero segno che Dio ha dato agli abitanti di Nìnive.

Se ci pensiamo bene la Quaresima non è altro che questo percorso di preparazione per “uscire” dalla morte, essa infatti ci permette di vivere in pieno la resurrezione del Figlio di Dio. Gesù c’invita all’inizio di questa Quaresima a capire quali sono le nostre “esperienze di morte” e come poter risorgere da esse, certi che Egli è la nostra guida e il nostro modello; solo così anche noi potremmo essere segni e portatori dell’amore di Dio agli altri.

Da quale “esperienza di morte” devo risorgere?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022