Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021

156

Pensate che bello quando tornati a casa stanchi dopo una giornata di studio, lavoro, impegni quotidiani, troviamo qualcuno che ha preparato per noi qualcosa di buono da mangiare. Sembrerebbe qualcosa di semplice e scontato, ma ha un significato profondo e veicola tante emozioni, come se quella persona ci dicesse: ”So che sei parecchio stanco, ma io sono qui e ho pensato a te”.

Adesso pensate a quanto sia stato meraviglioso per i discepoli, ormai disillusi e con le reti vuote, trovare Gesù dall’altra parte della spiaggia che li aspetta e ha già cucinato per loro. Sono queste piccole attenzioni che ci rendono la vita più bella, basta davvero poco per far felici noi e per rendere felice chi ci sta intorno.

Quando nella nostra vita perdiamo di vista queste attenzioni, quando non lasciamo spazio a Gesù che è amore, le nostre reti saranno sempre vuote e sterili, ma se pian piano cominciamo a farlo entrare e impariamo a utilizzare i messaggi d’amore verso l’altro che lui ci suggerisce, sicuramente la nostra vita sarà più ricca e feconda. Cerchiamo di sfamare chi arriva nella nostra spiaggia e accettiamo di farci sfamare quando ne abbiamo bisogno.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021