Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 8 Settembre 2020

91

Il Vangelo di Matteo inizia con la lunga genealogia di Giuseppe: sono elencate “tutte le generazioni: da Abramo a Davide quattordici generazioni, da Davide fino alla deportazione di Babilonia quattordici generazioni e dalla deportazione di Babilonia fino a Cristo quattordici generazioni” quasi a dire che da sempre si aspettava la venuta del Messia.

Questo lungo elenco di nomi indica come Dio entri nella storia, ma il Vangelo sopra sottolinea come, in realtà, siamo noi ad entrare nella sua: lui assume la nostra carne così com’è, noi assumiamo lui così come si offre in Maria. Infatti Giuseppe accoglie il Figlio accogliendo proprio Maria. Giuseppe è discendente di Davide a cui Dio promise il Messia.

Ma colui che promette, sempre si com-promette: il figlio di Davide sarà non solo il Messia promesso, ma lo stesso Signore che promette.


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno