Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 6 Dicembre 2020

76

Il quadro, descritto dal Vangelo di questa II domenica di Avvento, è molto particolare, infatti l’evangelista esprime l’adempimento di una profezia: la voce di cui parla Isaia è quella di Giovanni Battista e il contenuto del messaggio del profeta antico è lo stesso dell’ultimo dei profeti.

L’attesa per la venuta di Gesù è impaziente, ma per accogliere il Signore è necessario spianargli la strada verso il nostro cuore, è necessario sgombrare i sentieri dai massi pesanti della nostra quotidianità. Potrebbe essere giunto il momento di una revisione, di una bella confessione, è il momento per ascoltare ciò che il Signore attraverso la Parola, la vita e gli altri vuole dirti.

Ciascuno di noi è chiamato ad essere portatore di profezia: prova ad avvertire quell’impellenza di proclamare, di parlare, di far conoscere Qualcuno di cui ti stai innamorando, perché ti ha pienamente riconciliato con la tua vita e la tua storia.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Dino Romano – Commento al Vangelo di domenica 6 Dicembre 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo del 6 Dicembre 2020 – don Mario Consiglio