Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022

86

- Pubblicità -

Levi, seduto al banco delle imposte, lascia tutto. È bello che il Vangelo specifichi “lasciando tutto”, perché ci aiuta meglio a comprendere cosa vuol dire per Levi seguire Gesù.

E per noi oggi quanto è difficile lasciare tutto? Allontanarci da relazioni tossiche, lasciar andare quel rancore che ci impedisce di perdonare e indurisce il cuore, lasciare il nostro smartphone anche solo per poche ore. Eppure Levi non si pente, non torna indietro; anzi, festeggia e fa un banchetto, insegnandoci che lasciare tutto non vuol dire necessariamente essere infelici, ma avere piena consapevolezza delle cose realmente importanti.

Dovremmo imparare anche noi a scindere ciò che è superfluo da ciò che è importante e dare valore a ciò che realmente conta.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022