Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 4 Ottobre 2021

78

Chiara Corbella muore il 13 giugno 2012; il mattino dell’ultimo giorno, verso le otto del mattino, Enrico le chiede: «Amore mio, ma davvero il giogo del Signore è dolce?». Respirava e parlava a fatica, ma ha risposto chiaramente, sorridendo: «Sì, Enrico, molto dolce». È morta a mezzogiorno. Le parole di Chiara Corbella sono forse la dimostrazione lampante della verità di questo Vangelo.

A comunicarcelo è proprio una donna del nostro tempo, una persona vicina a noi e alla nostra storia. Come fa un giogo a essere dolce? Sembra quasi un controsenso pensare che un attrezzo così pesante e opprimente utilizzato per trainare animali possa essere dolce e leggero! Eppure ognuno di noi in questa vita porta il suo giogo: bugie, problemi in famiglia, problemi di salute, litigi ecc…

Questi grandi fardelli possono diventare dolci e leggeri solo se pensiamo che non siamo soli, ma che Dio ci ama e dona ristoro alla nostra stanchezza e ai nostri affanni. Chiara, nonostante la malattia, è riuscita ad affidare la sua intera vita a Dio e quando i pesi si dividono sappiamo che diventano meno gravosi. Dividiamo anche noi i nostri pesi con il Signore, perché qualsiasi difficoltà diventa più leggera con la consapevolezza di avere Lui accanto.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 4 Ottobre 2021
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 4 Ottobre 2021