Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2020

99

DOMENICA DELLE PALME (ANNO A)
5 Aprile 2020

Contempliamo la Passione di Gesù facendoci illuminare dalle parole di Padre Silvano Fausti:

«La croce è la distanza infinita che Dio ha posto tra se stesso e tutte le falsificazioni di Dio, tutti gli idoli. E si mostra per quello che è. […] Ora, qualunque sia la mia morte, anche da malfattore, Dio è lì con me. Ed è quello che capisce il secondo malfattore che dice all’altro: “Ma tu non temi Dio, che sei condannato alla stessa pena?”.

È la prima volta che Gesù è chiamato Dio da un uomo. Dio è uno condannato alla stessa pena. Come mai ha capito che è Dio, se è lì condannato alla stessa pena? Perché? Perché io giustamente sono qui perché il male l’ho fatto e poi mi è tornato indietro – volevo farlo ai romani e invece è capitato a me -, ma questo uomo non ha fatto nulla di male. Perché è qui? Ecco questo è l’enigma: perché? È qui per stare con me.

È uno che ha un amore più forte della morte. E questo si chiama Dio. Il finale del Cantico dei Cantici dice: “Più forte dello sheol è l’amore; più forte della morte è l’amore”. E lì si conosce chi è Dio: un amore che vince la morte e stabilisce comunione e solidarietà anche nella maledizione assoluta, per amore, da malfattore, crocifisso, maledetto, abbandonato. No, non sei abbandonato: Dio è lì con te. Non ti abbandonerà mai».

Fonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.