Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 31 Agosto 2021

68

Quante omelie, quanti insegnamenti, quante parole riguardati Dio ho avuto l’occasione di ascoltare ma cosa di tutto questo mi ha lasciato veramente stupito? Si, magari ho incontrato anche quel prete affascinante che parla bene e fa grandi discorsi, ma probabilmente le labbra dalle quali pendo, le parole che ricordo sono quelle degli uomini di Dio, di coloro che sono talmente tanto amici del Signore che sono capaci di consegnarmi la Parola che Lui vuole rivolgere proprio a me.

Quella Parola magari anche scomoda ma che comunica l’Amore e che quindi da senso e pienezza. È quella Parola che affascina perché vedo la felicità di chi la vive e che chiede quindi di essere anche da me praticata e trasmessa. Magari oggi e nei prossimi giorni potrei dedicare del tempo per prendere in mano il Vangelo e leggere il brano proposto dalla liturgia del giorno.

Mi metto quindi alla Sua Presenza invocando lo Spirito Santo affinché possa accompagnarmi e aiutarmi a fare silenzio, a liberare la mente e il cuore da ogni preoccupazione. Immagino quindi i luoghi, i sentimenti, le emozioni, i pensieri di Gesù e di coloro che lo hanno incontrato. Mi lascio quindi ispirare e mi metto in ascolto delle Parole di un Amico a cui posso dire e affidare tutto


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 31 Agosto 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 31 Agosto 2021