Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 30 Giugno 2020

173

Se siamo saliti su qualche imbarcazione quando il tempo non era molto clemente, possiamo dire di aver provato una sensazione simile a quella provata dai discepoli!

Il grande sconvolgimento a cui il Signore si riferisce è simbolo di tutte le situazioni di vita contro cui ci sembre di combattere, dove dobbiamo avanzare certi della sua presenza. Qui si spiega ogni enigma, anche quello del dolore e della morte. E’ umano dire in quelle situazioni «Salvaci, Signore, siamo perduti!».

Ancor di più quando siamo così profondamente umani dobbiamo essere il simbolo della potenza del Signore risuscitato. Di qui, il nostro annuncio di Gesù diventa vita!


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno