Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021

63

A Nazaret si sapeva che Gesù era figlio semplicemente di un falegname e quindi come avrebbe mai potuto essere un grande predicatore, liberare i prigionieri, compiere miracoli, insomma essere il Cristo?! Impossibile! Com’è anche impossibile che il Signore possa amare proprio me che sono spesso figlio delle mie paure, dei miei limiti e delle mie fragilità?

Forse c’è da iniziare ad avere uno sguardo diverso sulla realtà per riconoscere quanto di bello Dio Padre mi ha donato, c’è da avere uno sguardo diverso su me stesso per riconoscere quanto bello mi ha fatto, uno sguardo diverso su ciò che sono realmente per riconoscermi principalmente figlio Suo, amato nonostante tutto e grazie a tutto.

Si tratta di imparare ad avere lo sguardo del Figlio e del Fratello, lo sguardo di Gesù. Come fare? Affidiamoci a qualcuno già in cammino dicendogli che vogliamo imparare ad accoglierLo e a lasciarci accogliere, dicendogli che vogliamo imparare a frequetarLo e essergli amico, dicendogli che ci insegni a pregare!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021