Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021

89

È difficile essere tuo discepolo, Gesù! Ci chiedi qualcosa di complicato. Come sempre, sentendoti parlare, non possiamo far altro che pensare “è logico: non cominceremmo mai un lavoro che non possiamo portare a termine” però, pensandoci, questa cosa è dura da digerire.

Andiamo a Messa, cerchiamo di ascoltarti, di vivere secondo i tuoi insegnamenti… poi magari se qualcosa ce l’aggiustiamo un po’ a nostro piacimento, non sarà così grave, no? Dobbiamo essere così integerrimi? Non lo so se sono capace.

Non so se ho la forza di rimanere sempre attaccato a te rinunciando alle cose di tutti i giorni. Non riesco a chiarirmi le idee prima di cominciare. Quello che so è che accetto la mia croce, la prendo, la porto e provo a venire dietro di te. Cadrò, sotto il peso di questa croce, sono sicura. Ma spero che tu sarai lì ad aiutarmi, mi tenderai una mano e mi farai rialzare.

Tenendomi con te fino alla fine dei lavori.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 3 Novembre 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021