Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022

59

- Pubblicità -

Oggi ci vengono proposte le ultime parole del Vangelo di Giovanni che ci aiutano ad entrare bene nella festa di Pentecoste – che inizieremo a celebrare già da questo pomeriggio – soprattutto attraverso due elementi.

Il primo si può riassumere nelle parole di Gesù a Pietro: “A te che importa? Tu seguimi”. Siamo invitati da Gesù a vivere una “santa indifferenza”, soprattutto verso ciò che è mera curiosità. Siamo chiamati a seguirlo e a lasciare che Dio faccia Dio e che l’uomo faccia l’uomo, non mettendo ostacoli all’opera del Signore. Avere tutto sotto controllo non fa parte del cristianesimo, organizzare tutto affinché lo Spirito faccia la sua parte, invece sì!

Il secondo elemento interessante è la conclusione: l’opera di Gesù non finisce con i racconti evangelici, ma continua ora, oggi, nei luoghi della nostra quotidianità. Coltiviamo la meraviglia per le cose semplici, per i miracoli quotidiani, così da poter continuare a leggere l’opera di Dio nelle nostre vite, nei tempi e nei luoghi più inaspettati.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 4 Giugno 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 4 Giugno 2022