Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021

66

Venne ad abitare in mezzo a noi”, o meglio “pianta la sua tenda in mezzo a noi”! La tenda è una abitazione mobile, non fissa. Gesù, il Verbo, non vuole abitare solo un luogo, una parte, un ambito delle nostre vite, ma ognuna delle nostre situazioni quotidiane. La tenda è stata da sempre il luogo dell’incontro tra Dio e l’uomo, il luogo dell’alleanza: colui che non conosceva la nostra fragilità ha deciso di abbracciarla, di abitarla, di salvarla.

Nelle situazioni di morte dona la vita, tra le tenebre Egli è la luce, quella vera. Ma in tutta questa vicinanza sconvolgente, alcuni non lo hanno accolto, ma a chi lo ha accolto ha dato il potere di diventare figlio di Dio. Essere generati da Dio, sentirsi amati da Lui, abitare insieme nella sua tenda.

Lascia che il Signore continui a piazzare la sua tenda nella tua vita. Qual è la situazione in cui c’è più bisogno di riuscire a scorgere la sua presenza? Grazie alla venuta di Gesù è possibile scorgerlo in ogni frangente, anche il più travagliato.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021