Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2020

41

Sembrerebbe che con queste tre domande Gesù voglia rinfacciare a Pietro il suo triplice rinnegamento. Ma non è così, Dio non adotta mai la logica del mondo. Perchè è vero che ponendo la domanda per tre volte Gesù vuole ricordare a Pietro quello che è successo, ma la motivazione per cui lo fa è diversa.

Vuole vedere se Pietro ha finalmente compreso che l’Amore di Dio non si merita, non è commisurato alla nostra bravura o fedeltà. Dio è morto in croce per Pietro, dopo che lui l’ha rinnegato, perchè l’Amore di Dio è gratuito. A Pietro spetta solo fare un bagno di umiltà e accogliere questo Amore che ti cambia la vita. Perchè un Amore così non può che cambiarti la vita. Il triplice rinnegamento di Pietro è il luogo in cui Dio nuovamente manifesta la gratuità del suo Amore.

E tu? Cerchi come Pietro di essere un cristiano perfetto, finendo immancabilmente per leccarti le ferite e piangerti addosso o accogli costantemente il Suo Amore che trasforma le tue ferite in esperienze di Salvezza?


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2020
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2020