Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2021

100

Gesù è la luce del mondo! Com’è detto nella parabola sarebbe saggio metterlo “in alto”, “sul candelabro” anche nella nostra vita, che fosse il centro e al centro, così da poter illuminare le nostre scelte, decisioni, comportamenti.

Rileggendo la storia di Gesù mi pare che Lui per primo però abbia sbagliato strategia: si sottrae quando tutti lo cercano, non sa approfittare delle occasioni, non usa dei suoi poteri, proibisce ai guariti di fargli propaganda e fa tacere gli spiriti che rivelano la sua divinità. Se si fosse messo al centro sarebbe stato più facile.

La fine dei Vangeli ci ricorda che la croce sarà il lucerniere di Gesù: solo lì accetterà di essere innalzato, svelato, di avere tutta la sua rilevanza, rivelando chi è lui e chi è Dio. Anche il più lontano, il centurione che comanda il plotone di esecuzione, ne prenderà atto: “Quando sarò innalzato, conoscerete Io-sono”.

Per metterlo al centro della mia vita devo quindi scegliere di seguire il suo esempio, di voler vivere come lui, che si è consumato e donato per tutti. “Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi” e la misura di Dio è certamente quella dell’Amore. Questo mi obbliga ad interrogarmi se ho scelto il corretto metro di misura.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno