Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2021

112

Resuscitando Lazzaro, Gesù rivela quanto Dio stia dalla parte della vita e sia il Signore della vita. Questo segno genera in molti la fede, mentre crea in alcuni paura che è la parola che allontana il cambiamento, chiude il cuore e crea alibi.
I Giudei che chiedevano segni, qui si trovano a difendersi di fronte ai molti segni che esigono una scelta. Si è proprio per questo che decidono di uccidere Gesù. Non vogliono cambiare, o meglio non vogliono perdere i privilegi che si sono aggiudicati.

La fede cristiana, la nostra religione non è fondata sull’accaparrarsi privilegi, è la religione che ci spinge ad occupare gli ultimi posti nei bachetti, a lavare i piedi agli altri…

La Settimana Santa sta per iniziare tutti i suoi riti, le celebrazioni sono da vivere intensamente per capire fino in fondo che dobbiamo cambiare la nostra visione delle cose: saremo veri cristiani se preferiamo servire, se crediamo in Gesù attraverso le meravigliose opere che ha compiuto e continua a compiere nella nostra vita.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2021