Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021

77

Lasciare andare, rinunciare a qualcuno, perdere qualcosa  rappresentano tutto ciò da cui ostinatamente fuggiamo. Vogliamo vincere a tutti i costi, vogliamo avere successo, vogliamo ricevere riconoscimenti. Eppure non è lì che si gioca la vita, non è così che si ottiene “cento volte tanto”!

Ce lo dice Gesù, promettendoci un “cento volte tanto” che passa per non poche rinunce!
È vero, seguire Gesù non è semplice, anzi, spesso, è proprio difficile e stancante.
Quante volte ci siamo trovati stanchi nel servizio, demoralizzati, concentrati su tutto quello che abbiamo messo da parte per seguirLo nei piccoli e grandi “sì” di ogni giorno.

Constatare che ogni singolo “sì” comporta contemporaneamente alcuni “no”, che quando diciamo “sì” a qualcosa o a qualcuno probabilmente sono più le rinunce che facciamo rispetto all’azione concreta che scegliamo di compiere, non è un concetto né una realtà facile da vivere. Forse è per questo che è così difficile dire “no”, rinunciare, perdere.

Dinanzi a questa deriva del pensiero umano, tuttavia, siamo chiamati a ricondurre tutto il nostro servizio, ogni nostro “sì”, alla motivazione che muove quel “sì”. Se sai per Chi lo fai, nessuna stanchezza o rinuncia andrà sprecata! Se sai per Chi scegli di “perdere tempo”, puoi realizzare il tuo migliore investimento e guadagnare quel “cento volte tanto” che ti fa sentire profumo di Paradiso già qui, già ora!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2021