Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 25 Giugno 2020

187

Spesso capita di ascoltare questo brano del vangelo durante i matrimoni. Le nuove famiglie, che si apprestano a nascere, scelgono questi versetti proprio perché vogliono cogliere in pieno il messaggio di Gesù: costruire la propria casa sulla roccia, in cui ovviamente la roccia è Dio!

Cosa c’è di meglio di una casa sicura e stabile dove andare ad abitare?

E’ importante sentirsi al sicuro e protetti nella propria casa, e questa è la proposta che ci fa Dio. Egli si offre come porto sicuro, come a roccia che sostiene la nostra vita! Tuttavia è necessario che anche noi facciamo la nostra parte, per poter entrare in questa casa: dobbiamo sforzarci di fare la volontà di Dio, che altro non è che amare il prossimo!

Non serve a niente andare a messa e recitare il rosario, se in noi vivono sentimenti di odio, razzismo e cattiveria nei confronti di chi ci sta accanto! Il cristianesimo è amore concreto verso l‘altro, non parole a vanvera. Prendere o lasciare?


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno