Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022

56

- Pubblicità -

Signore facci capire bene, in qualche versetto prima hai rimproverato i discepoli perché hanno creduto a chi gli annunciava la Tua Resurrezione e ora non solo Ti rendi presente ma addirittura affidi a loro il compito di comunicare, testimoniare e fare conoscere l’Amore di Dio. Però un po’ forse ti conosciamo e sappiamo che non sei pazzo. Sei solo innamorato.

Di quegli Undici, di noi… e questo non significa quindi che assecondi i nostri limiti, le nostre infedeltà, i nostri tradimenti anzi, ci ami facendo crescere le nostre qualità, la nostra bellezza. Forse c’è da iniziare a renderci conto che questo Amore si coniuga al presente. Oggi vivi, oggi ami, oggi chiami, oggi ci chiedi di amare. Perché se è vero che nessuno si salva da solo allora la pienezza dell’Amore e della nostra felicità sta proprio nel riconoscerTi e ringraziarTI donando la vita e collaborando con Te alla nostra salvezza e a quella degli altri.

Il Signore è presente, però ci chiede di fare scelte di futuro: ti sei mai chiesto come sei chiamato a donare la tua vita? Cioè chi vuoi essere “da grande”? Come ti vedi tra 10 anni?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022