Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2022

143

- Pubblicità -

Sappiamo bene che lo Spirito Santo è la terza persona della Trinità, spesso dimenticato e poco considerato, rappresentato come colomba o fuoco. Eppure in questo brano del Vangelo, lo Spirito Santo diventa improvvisamente protagonista, addirittura Gesù dice che chi bestemmierà contro lo Spirito Santo non sarà mai perdonato.

Per bestemmia non si intende solo l’imprecazione che ogni tanto ci capita di sentire, noi bestemmiamo lo Spirito Santo tutte le volte che chiudiamo le porte all’amore. D’altronde lo Spirito Santo non è forse l’amore infinito che unisce il Padre e il Figlio Gesù? Quanto pensiamo che le cose belle per noi non possano più accadere, quando fuggiamo da quelle occasioni in cui possiamo donarci e amare, quando crediamo che Dio si sia dimenticato di noi, in quel momento, ci stiamo scagliando contro lo Spirito Santo.

Quando il nostro cuore diventa gelido, lasciamoci riscaldare dal fuoco dello Spirito Santo, facciamolo entrare nella nostra vita, nella nostra storia e nelle nostre relazioni.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2022