Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 24 Aprile 2021

55

Cosa vuol dire credere?
La fede è un dono, ma anche una scelta.
La dimensione della scelta è senza ombra di dubbio la più complessa. Perché?
Oggi ce lo dicono i discepoli di Gesù: “Questa parola è dura!”
Sono parole che pronunciamo anche noi, quotidianamente, dopo ogni faccia a faccia con il Vangelo e con la vita.
Nessuno lo nega, nessuno dice il contrario, neppure Gesù.

Allora perché fare una scelta difficile, seguire una Parola che è dura?
Perché seppur non facile, sarà felice! Perché proprio quella Parola è spirito e vita, è Dio che si fa presenza, è la chiave che apre tutte le porte, è la luce che illumina il buio nel quale siamo immersi, è la speranza sempre e soprattutto in questo tempo disperato.
Tutto quello che abbiamo vissuto in questo ultimo anno come avremmo potuto affrontarlo se non avessimo avuto la fede? Se non avessimo avuto la Parola? Se non avessimo avuto Gesù?

Proviamo per un solo istante ad immaginarci nel quotidiano senza di Lui, senza la certezza della Sua Parola.
Alla luce di tutto ciò la nostra voce non può che unirsi a quella di Pietro e le sue parole possono diventare, oggi, la nostra preghiera di lode e di ringraziamento: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 24 Aprile 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 24 Aprile 2021