Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021

31

L’immagine che oggi viene presentata dal Vangelo, se non spaventati, lascia quantomeno interdetti. Gesù parla ai suoi discepoli di distruzione, terremoti, pestilenze, di un mondo alla fine del mondo; e i discepoli atterriti chiedono delucidazioni, il “quando” e il “come” degli avvenimenti predetti.

Anche loro, come gli uomini di oggi, hanno paura di vedere la distruzione di tutto ciò che conoscono, il venir meno delle certezze a cui si appoggiano. E cercano coordinate per orientarsi anche in queste situazioni disperate. Forse la risposta del Maestro lascia un po’ spiazzati.

Non è del tutto rassicurante, non nega le catastrofi che incombono, però proprio qui si nasconde tutta la novità del messaggio di Gesù: non preoccuparsi di come e quando il nostro mondo, fisico o mentale, verrà “posto sotto assedio”, ma imparare a rimanere radicati nella realtà e a capire in che prospettiva vivere il quotidiano. La fine del mondo, o quella che ci sembra tale, non fa che aiutare a ri-orientarci, a capire qual è il centro e il fine della nostra vita e della nostra quotidianità.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021