Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2021

83

Il Signore ci mette in guardia dai falsi profeti e ci offre un metro di giudizio: i frutti. “Io sono la vite, voi i tralci”: da queste parole comprendiamo l’importanza del legame con il Signore. Un albero è sano se le sue radici sono ben salde, se proporziona i nutrienti necessari ai rami, affinché i frutti possano crescere e maturare.

Se una cristiano si “nutre” di Dio, è saldo nella fede, di certo i frutti che la sua vita darà saranno buoni! Se ci nutriamo di “debolezze”, “impulsi”, “droghe”, “isolamenti” non saremo capaci di nutrire la nostra esistenza e portare frutti, ma ci stiamo solo impoverendo. Nutriamoci di Dio, della sua Parola nel Vangelo, alimentiamoci di Lui e assimiliamo i suoi comportamenti: così porteremo frutto abbondante!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2021