Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021

33

Ci risiamo! Anche Oggi parleremo di palestra e di esercizio…per l’anima! Ieri abbiamo detto di quanto sia necessario scegliere un istruttore, oggi aggiungiamo un altro piccolo tassello.
Viviamo un tempo in cui l’ossessione per la cura del corpo ha preso il sopravvento. Tutti, #nessunoescluso, facciamo a gara per accaparrarci la migliore palestra ed il più esperto nutrizionista.
Ma cosa facciamo per curare la nostra anima?

Il Vangelo ci presenta Gesù come il miglior nutrizionista e personal trainer della storia! 
Lui non solo ci dice cosa mangiare per stare bene, ma lui stesso si fa quel cibo che sazia, che cura, che salva. È lui è il vero istruttore: sa bene che occorre avere cura dell’uomo nella sua totalità, non si limita ai bisogni primari, non si prende cura soltanto del corpo, ma ci offre quel cibo soprattutto per l’anima, perché chi ne mangia possa ottenere la Vita Eterna.

Quello che Gesù ci propone è davvero una palestra, un allenamento che possiamo svolgere con costanza grazie all’ “esercizio” dei Sacramenti, divenuti la vera palestra dell’anima, segni sensibili ed efficaci della grazia, segno della presenza del Padre che ci ha creati, del Figlio che ci salva e dello Spirito Santo che è Amore.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021