Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021

22

Ponzio Pilato e Gesù si trovano nel bel mezzo del processo che porterà alla crocifissione del Figlio di Dio. Pilato si interroga sull’uomo che ha di fronte, e quasi incuriosito chiede “tu sei Re?”
La risposta che riceve è lapidaria :”Tu lo dici, io sono Re”. Un dialogo di poche parole che afferma chiaramente l’essenza di Cristo, re dell’universo, re della storia e del tempo.

E oggi viene ricordato proprio questo, e lo si fa in un clima di festa perché non stiamo parlando di un re qualsiasi!

Forse è utile alla fine dell’anno liturgico, come prima di Capodanno, tirare un po’ le somme. Sì certo, sappiamo che Cristo è Re di tutto l’universo, ma siamo consapevoli del fatto che questo significa che Gesù non regna solo sulla storia in generale, ma proprio sulla mia storia? Regna sul mio vissuto, sulle mie relazioni, sul mio tempo. Il nostro cuore è lo spazio privilegiato per il regno del Cristo, che altro non è che un re disposto a servire me, l’ultimo degli uomini, venendomi a prendere in tutte le mie povertà e debolezze, per riportarmi alla dignità di Figlio di Dio e Figlio di Re.

Allora mentre concludiamo quest’anno liturgico e ci avviciniamo all’avvento proviamo a lasciare che Gesù Cristo sia Re incontrastato del nostro cuore e nella nostra vita.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021