Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2020

80

Questo Vangelo inizia indicando una caratteristica del cristiano: la sua libertà non è quella di dominare, ma di servire! Per noi libertà è fare quello che ci pare; no! La libertà è di amare e servire l’altro! Il Signore bussa alla porta: non la sfonda, non l’apre, non viola la nostra libertà. Siamo noi ad aprire.

Noi cosa o chi attendiamo nella vita? Diventiamo ciò che attendiamo alla fine: se attendi il Signore diventi il Signore, ti unisci a lui, se attendi la vincita al lotto in genere non vinci…Beati quei servi che troverà vigilanti. La caratteristica è tenere gli occhi aperti ora, perché Lui viene ora! Poi cosa fa? Ci fa sdraiare, passa e ci serve. Ha dato la sua vita per noi: “prendete, questo è il mio corpo dato per voi”, si offre totalmente a noi perché Dio è solo servizio e amore e tutta la sua vita, la sua esistenza, è al nostro servizio d’amore!

Noi siamo servi e lui è nostro servo e l’amore è l’essere servi gli uni degli altri nel reciproco amore: servirsi, non asservire gli altri. Saremo beati se il Signore ci troverá così!


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno