Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021

49

Chi l’avrebbe mai detto che Dio, facendosi uomo, sarebbe diventato addirittura mio fratello. È davvero qualcosa di meraviglioso, spiazzante e incredibile.

Com’è possibile, infatti, che Cristo è la persona con la quale condivido la casa, la camera, con cui magio, dormo, gioco, magari mi innervosisco e litigo per nulla e con la quale posso essere semplicemente e autenticamente me stesso, perché sicuro del fatto che mi vuole bene? Forse è proprio la certezza di questo amore la spiegazione di tutto. È fare esperienza di questo amore quotidiano e concreto che permette di instaurare una relazione così profonda con Gesù.

La volontà del Padre allora non è altro che lasciarmi amare e amare a mia volta, riconoscendo che nelle mie vene scorre il sangue e la vita di Colui che amandomi come fratello mi ricorda di essere figlio.

P.s Il Padre Nostro è un buon allenamento per ricordarsi di essere figli e fratelli..


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021